We have enabled User registrations.
+1 vote
by

Dev'essere si scrive con l' apostrofo?Professori in linea rispondete!!!!!?

Io l'ho sempre scritto con l'apostrofo ma oggi la mia professoressa mi ha rimproverato dicendomi che non sapevo scrivere in italiano.

3 Answers

0 votes
by
 
Best answer

Io l'ho sempre scritto con l'apostrofo ma oggi la mia professoressa mi ha rimproverato dicendomi che non sapevo scrivere in italiano.

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat.
SHOW ANSWER
0 votes
by

Nella lingua italiana è però possibile usare l'apostrofo per indicare l'elisione di una vocale alla fine di una parola, quando la parola successiva inizia per vocale. Ad esempio, non si scrive "la elisione" ma appunto "l'elisione".

Però non sempre si ha un'elisione. Ad esempio, nell'italiano corrente si scrive più spesso "le opere di Omero" che "le opere d'Omero", mentre "l'opere d'Omero" è decisamente raro, se non antiquato. Ci sono infine casi in cui la stessa parola, invece che essere elisa e avere quindi l'apostrofo, viene semplicemente troncata: "un'elisione" ma "un errore". La regola pratica per sapere se si ha elisione o troncamento è semplice:
si provi a usare la stessa parola seguita da un'altra parola che inizi per consonante e non per vocale. Se ciò è possibile, allora si ha troncamento; altrimenti elisione.
Alcuni esempi pratici:
L'articolo indeterminativo. Si può dire "un bambino", quindi la forma maschile sarà tronca ("un adolescente timido"); ma non si può dire "un bambina", quindi la forma femminile verrà elisa ("un'adolescente timida").
Gli aggettivi tale, quale, buon, pover. Si può dire "un tal giorno!", si ha quindi un'apocope, e si deve scrivere "tal altro" senza apostrofo, come del resto afferma anche l'Accademia della Crusca.
Gli avverbi come, dove, quando. In questo caso non si può dire quant grande e simili, quindi essi vorranno l'apostrofo: "com'è, dov'è, quand'anche".

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat.
SHOW ANSWER
0 votes
by

Nel Dizionaro d'ortografia e pronunzia di Migliorini alla voce dovere è scritto: "quasi costante l'elisione in dev'essere (fuorché nell'uso burocr.) dev'esser festa per tutti (Pirandello)". Va notato però che nei casi in cui l'elisione sia facoltativa, risulta in declino rispetto all'uso di un secolo fa, in particolare quando siano diverse le vocali da elidere. Resta ancora abbastanza diffusa e resistente l'elisione tra due vocali uguali, anche se bisogna tener presente che la preposizione "da" non si elide mai, quindi "da amare", "da eroi" ecc. restano non elisi, con eccezione di alcune formule cristallizzate come "d'ora in poi", "d'altronde", "d'altra parte". (Accademia della Crusca)

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat. Duis aute irure dolor in reprehenderit in voluptate velit esse cillum dolore eu fugiat.
SHOW ANSWER

Related questions

...